MISURE A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI - Rete Civica del comune di Alto Reno Terme

archivio notizie - Rete Civica del comune di Alto Reno Terme

MISURE A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI

 

MISURE A SOSTEGNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E DEL COMMERCIO

L’Amministrazione comunale rende nota la possibilità per tutti gli esercizi (sia pubblici esercizi che

laboratori artigianali alimentari) compresi quelli che in passato non hanno mai usufruito

dell’occupazione di aree esterne, di disporre a seguito di istanza da presentare al protocollo comunale

su apposito modulo reso disponibile sul sito internet del Comune, per il periodo dall’01/05/2020 fino al

31/10/2020 senza onere alcuno , del suolo pubblico NELLE IMMEDIATE VICINANZE DEL proprio

esercizio per compensare le limitazioni connesse alle misure restrittive legate al COVID-19. Gli

esercizi interessati potranno richiedere l’occupazione di superfici attigue e prospicienti la propria attività,

individuate nel rispetto del codice della strada e dell’incolumità degli operatori e degli avventori, al fine

di posizionare tavolini e sedie per la somministrazione di alimenti e bevande”. Per effetto della facoltà

riconosciuta dalle norme statali in corso di emanazione viene introdotta una deroga eccezionale per

consentire ai pubblici esercizi di collocare sul suolo pubblico sedie e tavolini senza onere per

l’occupazione del suolo pubblico.

Le domande vanno presentate su apposito modulo disponibile

sul sito istituzionale del Comune in esenzione da bollo.

In analogia l’Amministrazione comunale intende estender il beneficio anche a favore degli esercizi

commerciali di vicinato che intendano esporre la propria merce per promuovere l’attività di vendita ,

nel rispetto delle norme di igiene e sicurezza al fine di dare un segnale importante per la ripartenza,

rivolto a tutti i commercianti che hanno subito un danno economico a causa dell’emergenza. E’

un’ulteriore misura a sostegno delle categorie che non hanno potuto esercitare la propria attività negli

ultimi tre mesi.

La richiesta di suolo pubblico in esenzione dal canone può quindi essere presentata da:

-i titolari di pubblici esercizi che siano già titolari negli anni precedenti di concessione di suolo pubblico

stagionale;

-i titolari di pubblici esercizi già titolari di concessioni

permanenti o annuali

di suolo pubblico

-i titolari di pubblici esercizi che non abbiano richiesto nei precedenti esercizi la concessione del suolo

pubblico;

-i titolari di esercizi che usufruiscono già di concessione confermata , per richiedere superfici

aggiuntive a parziale compensazione della minore superficie interna ai propri locali per allestimento

delle misure di distanziamento sociale..

Per quanto riguarda l’ampliamento del suolo pubblico, l’amministrazione ha deciso di consentire una

maggiore estensione, a titolo gratuito fino al 50% dello spazio attualmente a disposizione, mentre per

chi non ha mai usufruito dell’occupazione di aree esterne viene prevista la possibilità, sempre a titolo

gratuito, di occupare superfici attigue e prospicienti la propria attività nella stessa percentuale pari al

50% della superficie interna e comunque tale da poter garantire il rispetto del distanziamento sociale

previsto dalle nuove normative anti-Covid ed il rispetto di analogo diritto degli esercizi confinanti. Nella

occupazione del suolo pubblico dovrà comunque essere preservato il passaggio pubblico.

La domanda di nuova concessione ovvero di ampliamento delle superfici già concesse,va presentata

mediante istanza al competente ufficio SUAP del comune di Alto Reno terme con allegata la sola

planimetria per via telematica in esenzione da bollo. L’occupazione si intende concessa sulla base

​della domanda presentata se non intervenga diniego motivato o comunicazione di modifiche o

prescrizioni da parte dell’ufficio ricevente entro il termine di gg.5 dalla presentazione.

Viene consentita tale possibilità anche alle attività artigiane con consumo sul posto di poter fruire degli

spazi esterni. Tali disposizioni resteranno in vigore sino alla fine dell’emergenza sanitaria e comunque

non oltre il 31 ottobre 2020.

Chi avesse già provveduto al pagamento anticipato del canone di concessione del suolo pubblico per i

periodi esentati, potrà usufruire di compensazione sull’importo del canone per l’anno 2021.

Viene altresì consentita l’esenzione dal pagamento del suolo pubblico e della tassa rifiuti giornaliera a

favore degli ambulanti del mercato settimanale per i periodi di sospensione del mercato per effetto

delle misure restrittive connesse al COVID – 19.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (5 valutazioni)